‘O Peccatore-Viaggio fantastico

Quanti di noi non si sono mai chiesto cosa vi fosse nell’aldilà e quante persone con la mente non hanno mai immaginato d’intraprendere un fantastico viaggio alla scoperta del regno dei morti? Anche il personaggio di questa breve storia lo ha fatto, scoprendone una dura realtà!

‘O  PECCATORE

(Carlo Muccio)

Mò ch’era rimasto sulo e nun teneva chiù tantu che fa’, Zì Peppe, penzaje ‘e ire a da’ ‘n’occhiata a l’atu munno pe’ putè sapè, primma ‘e murì, comme sé putevarrja truvà! E … siccome in vita nun era stato esempio di virtù ma aveva sempe arrubbato, rusecato e campato ‘ncopp’  ‘o burdello, penzaje ‘e passà direttamente pe’ l’Inferno, tanto chillo era sicuramente ‘o posto addò l’avevena mannà. Subbeto ‘o truvaje ‘o luoco, pecchè era ‘o chiù affollato e sé senteva chiù alluccà. Quanno ‘o guardaporte de’ riavute ‘o verette ‘e arrivà nun sé facette dicere manco ‘nu i e ‘nu a:”Trase, scurnacchiato!” Le ricette. “Tè stevam’ aspettà!” Lui con fare ingenuo rispose: “No, io so’ venuto pe’ vedè sulo comme sè stà, fra poco tolgo il disturbo, è sulo ‘na curiosità!” Ma chillo sé facette ‘o pizzo a riso e le rispunnette: “Trase, trase poi si vedrà!”. Quanta sofferenza cà cè steva dint’ a chillu luoco e quanta gente che sparpetiava dint’  ‘o fuoco! Cè steva, pure, chi purtava certi maronne ‘e petrun’  ‘ncuoll’ ati, invece, currevano appriess’ a ‘na bannera senza maje sé fermà; a ‘n’atu pizzo, po’, ‘a gente veneva frustata a sangue: viecchie e giuvane, uommene, femmene e criature inzomma, nisciune sé sparagnava chella crudeltà. Zì Peppe penzaje: “Chisto nun è ‘o posto che fa’ pe’ me, sperammo che almeno in Purgatorio ‘nu pustariello mè putarrja truvà!”. E mentre, ancora, vedera annanze all’uocchie chelli povere anime ‘e penà, frettolosamente verso l’uscita si avviò pe’ s’  ‘a putè svignà; quanno all’intrasatte ‘nu riavule auto comme a n’auro ‘e noce annanze le sé piazzaje. “Addò vaje?” Isso alluccaje. “Nun ‘e vista ‘a scritta ‘ncopp’  ‘a porta quanno sì trasuto?” “No, Signor Diavolo!” ‘O peccatore rispunnette. “Nun cè aggiù fatto caso, ma che importanza ha, io so’ venuto sulo pe’ da’ ‘n’occhiata, io nun appartengo a ‘stu munno cà!” Ma chillo sempe chiù arraggiato, se mettette a prerecà: “Per me si va nella città dolente, per me si va nell’eterno dolore, per me si va tra la perduta gente … lasciate ogni speranza voi ch’entrate!”. “Uh,Gesù! Ma che vo’ di’ chestu cà” Zì Peppe sé mettette a sbraità! “Io so’  ‘nu visitatore pe’ me nun po’ valè chesta legge cà!” Ma ‘o riavute nun vulette sentì raggione: “Zì Pe’, tu ‘a cà nun jesciarraje e ‘nu liscio e busso t’ha piglià, anzi, stevo penzanno proprio a quale girone t’aveva mannà, visto cà tutti ‘e luochi tu tè ‘a visità! ‘E fatto assaje peccat’ e mò è ‘o mumento dè scuntà!”. Zì Peppe sé facette ‘e mille culore e nun teneva chiù ‘a forza ‘e parlà, ‘o guardava accussì spaventato che pure ‘nu giudice o ‘nu guvernante avessa pruvato cumpassione e ‘nce avesse alleggeruta ‘nu poco ‘a pena ‘a scuntà! E pure ‘o riavute, forse, mosso a pietade le ricette ancora: “Zì Pe’, l’unica cosa che tè pozzo fa’ è farte scegliere a quale girone vuo’ abbià?!”. “Aggiù fatto ‘stu bell’accatteto!” Penzaje ‘o peccatore. “So’ ghiuto pe’ frarecà e so’ stato sfrarecato!”. E accussì giraje ‘e spalle e chella grossa croce sé jette abbraccià!

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: