Gli struffoli di mia nonna Filomena-Ricetta culinaria

 
Mia Nonna Filomena all’età di 20 anni
 

GLI  STRUFFOLI  DI MIA NONNA FILOMENA

C U R I O S I T A’

Gli struffoli, dolce tipico napoletano, probabilmente, traggono la loro origine dal medio oriente, forse dalla Grecia.

I N G R E D I E N T I

          Per la pasta: 500 gr di farina, 5 uova, 2 cucchiai di olio di semi, 3 cucchiai di zucchero, ½ cucchiaino da caffè di ammoniaca per dolci, 1 bicchierino di anice, sale.

          Per condire: 200 gr di miele, 2 cucchiai di zucchero, buccia di un limone, di una arancia e di due mandarini, anice.

          Per il croccante: 500 gr di mandorle, 500 gr di zucchero, 20 gr di burro, 1 limone

P R E P A R A Z I O N E

Setacciare la farina e disporla a fontana, al centro di essa inserire tutti gli ingredienti indicati per la pasta. Impastare dapprima con una forchetta e poi con i polpastrelli delle dita ed infine vigorosamente con le mani in modo da rendere la pasta elastica. Lasciare riposare l’impasto ottenuto per circa un’ora coperto da un tovagliolo di stoffa. Successivamente prendere piccole quantità di pasta e arrotolarla in modo da formare tanti bastoncelli, possibilmente, molto sottili. Tagliarli, quindi, in piccole palline e sistemarle su di un tovagliolo di stoffa. Friggere le palline ottenute in abbondante olio di oliva ben caldo e quando le stesse risulteranno ben dorate, lucide e croccanti toglierle dal fuoco con la schiumarola (detta dialettalmente votapescia), lasciare colare la schiuma e poi sistemarle sulla carta assorbente affinché tutto l’olio sarà sgocciolato. Sciogliere a fuoco lento in un tegame, mischiando lentamente, il miele con lo zucchero, due cucchiai di acqua e anice e le bucce di agrumi grattugiate. Quando si noterà una leggera schiuma, il preparato sarà pronto. Condire gli struffoli mischiandoli in modo da renderli lucidi e sistemarli in un ampio piatto. Per preparare il croccante tostare per pochi minuti le mandorle nel forno e poi ridurle in pezzettini disomogenei. Ricuocere le stesse mandorle in una padella con lo zucchero e con una noce di burro mescolando il tutto per circa 20 minuti. Modellare, ancora calde, le mandorle all’interno di piccoli recipienti in modo da formare uno strato di circa mezzo centimetro aiutandosi con un limone in modo da fare aderire bene le mandorle ai recipienti stessi; il limone, inoltre, conferirà ulteriore fragranza. Dopo una mezz’ora, quando le mandorle saranno completamente raffreddate, sformarle dai recipienti ottenendo così dei cestini che verranno riempiti con gli struffoli già pronti e decorare, infine, con scorzette di arance candite tagliate a pezzetti piccolissimi.

 

 

Gli struffoli della foto sono stati preparati da mia moglie tenendo presente la ricetta di cui sopra

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: