A Cicina mia-Poesia

Una mite domenica di novembre passeggiavo in bicicletta con mia figlia Serena quando, inavvertitamente, la mia “Cicina” infilò il piedino sinistro nei raggi della bici per cui, inevitabilmente, rotolammo sull’asfalto. La bella mattinata trascorsa insieme fu così rattristata da una brutta ferita al suo arto inferiore. Nel vederla spaventata e triste fui ispirato a queste poche righe.

A  CICINA  MIA

(Carlo Muccio)

Cici’, nun chiagnere bella ‘e papà!

Tutto s’acconcia, tutto sé sana,

sulo cà morta nun c’è stà niente ‘a fa’

e pure ‘o pericciullo tuojo sé sanarrà.

Povera creatura meja, mò tutta moggia moggia

te ne staje assettata ‘ncopp’  ‘a poltrona d’  ‘a matina a’ sera!

Primma te vedevo ‘e zumpettià

e me ‘ntussecavo cà facile ammuina,

mò so’  ‘ntussecato

cà nun te veco ‘e zumpà e nun te sento ‘e alluccà!

Vien’ a cà, astrigneme e vaseme ‘nu poco,

ma che stà succerenno: te stanno chiuvenno l’uocchie?!

Sì piccerella e t’abbasta ‘na pazziella pe’ te calmà,

tra poco starraje già rerenno e pazzianne

ma ‘o chiovere stà mò scennenne dint’ ‘o core mio!

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: